Autostima al lavoro: superare la sindrome impostore

In questo articolo, esamineremo la Sindrome impostore: che cos’è, come può limitare le tue possibilità nella vita e nella tua professione e quali strategie puoi usare per superarla.

Conosci il tuo valore e sei orgoglioso di chi e cosa sei?

“L’intero problema con il mondo è che gli sciocchi e i fanatici sono sempre così sicuri di sé stessi, e le persone più sagge sono così piene di dubbi.”

Bertrand Russell, filosofo britannico.

Quando pensi ai tuoi più grandi successi professionali ottenuti fino ad oggi, ti senti orgoglioso di ciò che hai realizzato?

Se provi sentimenti di inadeguatezza e di insicurezza rispetto al ruolo che ricopri, potresti essere sorpreso di apprendere che sei in buona compagnia. La Sindrome impostore è tipicamente associata ad alti risultati. Più ti specializzi in un particolare argomento, più sarai consapevole delle lacune nelle tue conoscenze.

Cos’è la sindrome impostore?

sindrome impostoreLa Sindrome impostore è caratterizzata dalla convinzione che non meriti il ​​tuo successo.

È la sensazione che tu non sia abbastanza intelligente, creativo o di talento come gli altri sembrano credere che tu sia.

È il sospetto che i tuoi successi siano risultato della fortuna, o semplicemente dell’essere nel posto giusto al momento giusto.

È accompagnato dal timore che, un giorno, tutto questo possa essere scoperto.

La Sindrome dell’impostore può essere collegata ad altri sentimenti di insicurezza, come la paura del successo, la paura di fallire e l’auto-sabotaggio.

Colpisce spesso in quelle situazioni associate al successo: iniziare un nuovo lavoro, ricevere un premio o una promozione, o assumersi responsabilità extra come insegnare agli altri, iniziare la propria attività o diventare un genitore per la prima volta.

Questi sentimenti possono ispirarvi a lavorare di più, in modo da non essere “scoperti”, portando a ulteriori successi e riconoscimenti (per sentirsi poi un impostore ancora più grande 🙁  ).

Ma spesso, portano a “scalare”, ad essere meno ambiziosi… nel senso che non realizzi mai il tuo vero potenziale.

Come riconoscere la sindrome impostore?

Ironia della sorte, la Sindrome dell’impostore può essere difficile da riconoscere in se stessi.

La maggior parte delle persone accetta che possano esserci altre persone che ne soffrano ma in realtà non sia così, ma di loro stessi pensano che sono impostori punto e basta.

Ecco di seguito alcuni “sintomi” che se ti riconosci, possono aiutarti a capire se tu stai vivendo la sindrome dell’impostore:

  • Vivi sentimenti di inadeguatezza e frequente insicurezza
  • Fai spesso pensieri del tipo “Non sono degno” o “Non merito questo.”
  • Ti preoccupi di del fatto che non si è mai abbastanza rispetto alle aspettative degli altri
  • Ti concentri più sui tuoi errori piuttosto che sui tuoi risultati
  • Cerchi di essere perfezionista
  • Pensi che il tuo lavoro sia così facile che chiunque possa farlo
  • Pensi che i tuoi talenti e punti di forza siano comuni o irrilevanti
  • Credi che quello che fai non è mai abbastanza
  • Credi che se dovessi ricominciare da capo, non avresti la fortuna, il talento o le capacità per replicare il tuo attuale successo.

Come riconoscere la sindrome dell’impostore in una squadra?

Perché la Sindrome impostore non fa solo male alle persone che la vivono.

Fa male anche ai team e alle aziende a cui le persone appartengono. Quindi, se sei in un ruolo di leadership, vale la pena tenere d’occhio i membri del team che stanno lottando con sentimenti di inadeguatezza e bassa autostima.

Ecco alcuni segnali da tenere in considerazione:

  • Sono a disagio se qualcuno gli fa complimenti o lo lodano
  • Attribuiscono il buon lavoro svolto alla fortuna
  • Manifestano in generale bassa autostima
  • Fanno fatica a confrontarsi con gli altri
  • Rifuggono le promozioni, il cambiamento di ruoli e progetti di prestigio
  • Esprimono verbalmente timori rispetto alla loro incompetenza

Come superare la sindrome dell’impostore?

Riconoscere di avere la Sindrome impostore è spesso la parte più difficile. Molte persone credono che l’alternativa sia diventare superbi, autocelebrativi, ma non è necessario.

Ecco alcuni suggerimenti per superare questa insicurezza (perché di questo si tratta)

Riconosci i tuoi sentimenti

Il primo passo per superare la sindrome dell’impostore è riconoscere ciò che senti e perché.

Inizia tenendo un diario. Ogni volta che provi sentimenti di insicurezza o inadeguatezza, scrivili e spiega perché ti senti in questo modo. Sii il più specifico possibile su ogni situazione. È probabile che quando lo scrivi, ti accorgerai che non ci sono veri motivi per preoccuparti della situazione.

Quindi, utilizza la ristrutturazione dell’esperienza così da contrastare i pensieri negativi, con affermazioni positive che possano aiutarti a neutralizzare quei pensieri. Inoltre, pensa ai successi che hai avuto fino ad ora.

Ti consiglio un esercizio: immagina te stesso che sta raccontando a tutte le persone che pensi di aver ingannato facendo credere che sei bravo, mentre invece dici loro di non esserlo!

Come ti risponderebbero?

Molto probabilmente ti direbbero che non ti hanno dato un buon voto / promozione / premio perché li hai affascinati.

Potrebbero persino essere infastiditi dal fatto che dubiti del loro giudizio professionale.

Ricorda, i sentimenti non sono la realtà. Quindi, solo perché non ti senti qualificato non significa che lo sei realmente.

Diventa consapevole dei pensieri e dei sentimenti automatici che hai e lavora per contrastarli con affermazioni basate sulla realtà, come ad esempio

“Sono qualificato per questo compito perché …”

Parlane con gli altri

Scoprirai con stupore che anche altre persone di cui tu hai alta stima, nutrono sentimenti di insicurezza.

Per te probabilmente sono individui intelligenti, articolati e estremamente competenti. E scoprire che anche loro sono nella stessa situazione ti può aiutare a superare.

Parla con le persone di cui ti fidi.

Potresti essere sorpreso dal modo in cui molti dei tuoi amici e colleghi possono comprendere come ti senti. Ascolta le persone della tua vita e fatti rassicurare rispetto alle tue paure che sono irrazionali.

Comprendi i tuoi punti di forza e debolezza.

Aumenta la tua sicurezza diventando più consapevole dei tuoi punti di forza e di debolezza.

Conduci un’analisi SWOT personale (cioè tieni conto delle tue forze, debolezze, opportunità e difficoltà).

Una volta che hai una profonda conoscenza dei tuoi punti di forza e di debolezza, non dovrai dedicare così tanto tempo a preoccuparti di non essere “qualificato” per un particolare compito, progetto o ruolo

Superare il perfezionismo

Molte persone che soffrono di sindrome dell’impostore sono perfezionisti.

Si pongono obiettivi irragionevolmente alti e poi provano vergogna o delusione quando falliscono.

Definisci obiettivi realistici, stimolanti e raggiungibili (vai nel nostro campo ricerca e scrivi “obiettivi”: ti si aprirà la lista degli articoli che parlano di come formulare un buon obiettivo).

Invece di vedere i tuoi errori come qualcosa di cui vergognarsi, trattali come esperienze di apprendimento che ti aiuteranno a migliorare ancora la prossima volta.

Accetta il tuo successo

Spesso, le persone con la sindrome impostore trovano difficile accettare i complimenti.

Quando le cose vanno bene, attribuiscono il loro successo a fattori esterni come il duro lavoro, l’aiuto degli altri o la fortuna.

Ma quando le cose vanno male, incolpano se stesse.

Assumiti la responsabilità per i tuoi risultati.

Quando raggiungi un obiettivo o finisci un progetto importante, riconosci che sono state le tue capacità e il tuo talento a farlo accadere.

Esercitati ad ascoltare le lodi che ti sono rivolte, ad accettare i complimenti e a trarne nutrimento.

Annota perché i tuoi pensieri negativi sono solo una tua percezione che non ha niente a che fare con la realtà e spiega perché sei qualificato o abbastanza meritevole per questo lavoro.

Scrivi perché scrivere serve.

Fissa i pensieri che se rimarrebbero a livello mentale non farebbero lo steso effetto.

Concludendo…

La Sindrome dell’impostore è un modello di pensiero auto-avverante, in cui una persona considera se stesso un impostore.

Per superare la Sindrome dell’impostore, devi rompere il modello di standard irraggiungibili e pensare che fattori esterni, temporanei come la fortuna, l’aiuto o il duro lavoro siano responsabili del tuo successo.

Parla con gli altri di come ti senti. Supera le tue tendenze perfezioniste fissando obiettivi realistici per te stesso e accetta che gli errori e i fallimenti facciano parte della vita.

Infine, prendi consapevolezza dei tuoi successi. Impara come farti un complimento e trai forza da esso.

Ti auguro infiniti successi!

Trasforma la tua vita

Serata corso GRATUITA di PNL a Torino

La PNL è uno strumento che ti permette di conoscere meglio la persona più importante della tua vita: te stesso!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.